Arcidiocesi di Palermo » Media » Tutte le notizie » ArcidiocesiNews » 2017 » Maggio » A Palermo la Marcia per la vita 2017. L'Arcivescovo invia un Messaggio 
Facebook  Twitter  Technorati  Delicious  Yahoo Bookmark  Google Bookmark  Microsoft Live  Ok Notizie
A Palermo la Marcia per la vita 2017. L'Arcivescovo invia un Messaggio   versione testuale
IN QUESTO NUMERO
 
IN PRIMO PIANO
  • A Palermo la Marcia per la vita 2017. L’Arcivescovo invia un Messaggio
 
NOTIZIE DIOCESIPA
  • Proclamati i vincitori del Concorso fotografico “La Settimana Santa a Palermo”
  • I diaconi riflettono con l’Arcivescovo sulla loro chiamata e identità
  • Mons. Antonino Raspanti, vescovo di Acireale, il nuovo vicepresidente della Cei per il Sud
 
NOTIZIE DALLE PARROCCHIE E DALLE ASSOCIAZIONI
  • Giornata di Spiritualità coniugale e familiare
  • All’Istituto Maria SS.ma del Rosario saggio di fine anno
  • In Cattedrale l’Arcivescovo incontra i nubendi
 
AGENDA DEGLI APPUNTAMENTI
  • Giornata Diocesana del Ministrante
  • Ecumenismo  e dialogo interreligioso il programma dell’anno 2017/2018
  • Sul Tgweb la riflessione sul raduno per la Vita e la Famiglia
__________________________________________________________________________
IN PRIMO PIANO
1. A Palermo la Marcia per la vita 2017. L’Arcivescovo invia un Messaggio
Il Forum “Vita-Famiglia-Educazione“, sabato 27 maggio 2017, terrà la 7a edizione a Palermo della Marcia Per la Vita e per la Famiglia, quest’anno limitata ad un raduno stanziale a causa della campagna elettorale in corso. Il Forum, apartitico e aconfessionale, vuole essere il collante di realtà diverse, associazioni e movimenti, sia religiosi che laici, unite per incidere nella società italiana, aperto a qualsiasi organizzazione (senza alcuna distinzione politica, religiosa e sociale) o singolo cittadino che si ritrovi nei suoi principi ispiratori.
Interverranno: Don Maurizio Patricello, Parroco della “Terra dei fuochi”, Napoli, Emma Ciccarelli, Vicepresidente Nazionale Forum delle Associazioni Familiari.
Questa edizione ha avuto finora il patrocinio dei  Comuni  di Palermo  e Ficarazzi e i messaggi di sostegno del card. Salvatore De Giorgi, Arcivescovo emerito di Palermo, mons. Pennisi Arcivescovo  di Monreale, mons. Corrado Lorefice, Arcivescovo di Palermo,  e mons. Giovanni D’Ercole vescovo di Ascoli Piceno, mons. Antonino Raspanti, vescovo di Acireale, oltre a numerosi sacerdoti cattolici e ortodossi e pastori evangelici. Hanno inoltre assicurato la loro presenza tutti i candidati-sindaco del comune di Palermo.
L’iniziativa si inserisce tra le altre che si svolgono ormai in tante capitali mondiali, tese a difendere la sacralità della vita, che hanno visto in piazza centinaia di migliaia di persone e la cifra record a Washington di 500.000 presenze. Roma ha visto la VI edizione della marcia nazionale il 20 maggio 2017.
Essa si propone inoltre la promozione della natalità e dell’istituto familiare anche per mezzo di un fisco basato sul fattore famiglia, oltre a chiedere maggiore attenzione per le politiche per  l’infanzia e l’adolescenza, nonché per la disabilità.
Per l’occasione l’Arcivescovo ha inviato il seguente messaggio:
“In occasione del Raduno per la Vita e la Famiglia desidero far giungere il mio cordiale saluto a tutti i partecipanti ed agli organizzatori.
Come cristiano e Vescovo la mia vita è stata raggiunta dall'Evangelo di Gesù, il Verbo della Vita fattosi carne, uno di noi, perché gli uomini "abbiano la Vita e l'abbiano in abbondanza" (Gv 10,10).
Con Papa Francesco prendiamo coscienza di una diffusa mentalità dell'utile, la "cultura dello scarto", che oggi schiavizza i cuori e le intelligenze di tanti, ha un altissimo costo: richiede di eliminare esseri umani, soprattutto se fisicamente o socialmente più deboli. La nostra risposta a questa mentalità è un "si" deciso e senza tentennamenti alla vita. (…). Le cose hanno un prezzo e sono vendibili, ma le persone hanno una dignità, valgono più delle cose e non hanno prezzo (…). Nell'essere umano fragile ciascuno di noi è invitato a riconoscere il volto del Signore, che nella sua carne umana ha sperimentato l'indifferenza e la solitudine a cui spesso condanniamo i più poveri [...]. Ogni bambino non nato, ma condannato ingiustamente ad essere abortito, ha il volto di Gesù Cristo, ha il volto del Signore, che prima ancora di nascere, e poi appena nato ha sperimentato il rifiuto del mondo. (…) E ogni anziano, anche se infermo o alla fine dei suoi giorni, porta in sé il volto di Cristo. (Papa Francesco, 20 settembre 2013).
Non possiamo non essere amanti della Vita e sostenere la "culla della Vita" che è la famiglia, fondata sul matrimonio. La vostra sia una giornata di sensibilizzazione perché la bellezza della Vita e della Famiglia arricchisca ancora la casa comune – il creato – pensato da Dio come "giardino rigoglioso e fertile".
Auspico che le Istituzioni non restino sorde alle giuste richieste di sostegno e promuovano percorsi atti a favorire le giovani coppie che si accingono a creare una famiglia; le famiglie numerose; quelle che si prendono cura di congiunti disabili. Promuovano sgravi economici a chi si trova in difficoltà per la perdita del lavoro e, spesso, conseguentemente, anche della casa. Facciano di tutto per assicurare un lavoro regolarmente retribuito per un futuro migliore. Assicurino e sostengano il compito educativo dei genitori.
Su tutti i partecipanti e su tutti coloro che, in modo forse non appariscente, ma efficace, collaborano a salvaguardare la Vita umana e la sua dignità, invoco di cuore le più ampie benedizioni del Signore”.
 
NOTIZIE DIOCESIPA
1. Proclamati i vincitori del Concorso fotografico “La Settimana Santa a Palermo”
Antonio Lo Porto con la foto della “Vestizione di Maria Addolorata la mattina del Venerdì Santo” si aggiudica il primo premio del concorso “La Settimana Santa a Palermo 2017”. Al secondo posto Giovanni Surdi con la foto “Volgeranno verso Colui che han trafitto” e al terzo Barone Gaetano con la foto “Saluto di una ammalata al Cristo morto”. Le foto sono state scelte da una commissione formata dai fotografi Franco Lannino, Igor Petix e Guglielmo Francavilla.
La cerimonia di premiazione si è svolta nel salone Lavitrano della Curia arcivescovile. A consegnare i premi e i diplomi a tutti i partecipati il vicario generale dell’Arcidiocesi di Palermo, mons. Giuseppe Oliveri. Il concorso è stato organizzato dall’Ufficio per le Comunicazioni Sociali, in collaborazione con la sezione Ucsi di Palermo, per raccontare attraverso le immagini i riti della Settimana Santa che si celebrano nell’Arcidiocesi di Palermo.
Al Concorso fotografico hanno partecipato una 23 fotografi dilettanti che hanno presentato una settantina di foto scattate durante le processioni del Venerdì Santo svoltesi nelle varie parrocchie dell’Arcidiocesi. Lo scopo degli organizzatori è di costituire un itinerario di forti emozioni e suggestioni alla scoperta delle tradizioni popolari che si vuole consegnare soprattutto alle giovani generazioni.
Nella stessa circostanza si è svolto un Seminario di studio sul tema della 51° Giornata mondiale delle Comunicazioni sociali “Non temere, perché io sono con te”. Comunicare speranza e fiducia nel nostro tempo durante il quale hanno relazionato il direttore dell’Ufficio per le Comunicazioni Sociali dr. Pino Grasso e il presidente della sezione Ucsi di Palermo prof. Michelangelo Nasca.
 
2. I diaconi riflettono con l’Arcivescovo sulla loro chiamata e identità
“Voglio che nella mia Chiesa ci siano i diaconi ed occorre rilanciare questo Ministero per comprendere quale proposta fare a chi chiede di diventarlo”. Lo ha affermato l’Arcivescovo, mons. Corrado Lorefice, in occasione dell’incontro di preghiera, formazione e confronto con i diaconi che si è svolto nella Casa diocesana di Baida e fa seguito al precedente incontro di inizio anno che è stato di grande condivisione.
Dopo l’introduzione del delegato arcivescovile don Giuseppe Sunseri, il quale ha ripercorso le tappe dell’anno pastorale, durante il quale i diaconi hanno riflettuto sull'ascolto della Parola, attraverso una serie di incontri di formazione, è stato ricordato che già era stato avviato un costruttivo dialogo con lo stesso Arcivescovo nella visione dalla sua esperienza di delegato per la formazione dei diaconi nella diocesi di Noto.
Don Corrado ha pertanto avviato una riflessione sulle motivazioni della chiamata, come si alimenta la vocazione e sulla identità del diacono.
“Per me è una grande opportunità condividere un momento di confronto con i diaconi – ha detto don Corrado Lorefice – a partire dalla ricomprensione del Ministero del diaconato che attinge al cuore del vescovo in quanto a lui particolarmente legato e attribuendo un significato allo stesso Ministero”.
Nel corso dell’incontro i diaconi hanno espresso all’Arcivescovo tutte le loro preoccupazioni, condividendo le loro esperienza maturate. E’ emerso come il diacono “è”, e non uno che fa, pertanto in forza del Sacramento è presenza vivificante del “Signore – Servo”, chiamato a stare nel mondo in maniera sacramentale.
“Dobbiamo sentire l'esigenza di riappropriarci di questo Ministero fondale e ripercorrere le motivazioni che sono alla base della chiamata del Signore. E’ nella Chiesa che occorre per riattingere al vero significato del Ministero e cosa lo ha motivato, ma anche da come viene alimentato perché il dono possa essere sempre di più vivificato ed espresso realmente a vantaggio degli ultimi”. Quindi l’Arcivescovo ha invitato a fare una verifica schietta ed autentica di come si vive il Ministero e come è accolto nelle nostre comunità. Dalla riflessione comune è pure emerso come il diacono nella Chiesa può innervare il valore del servizio con umiltà e nella secolarità.
“Questo aspetto non diminuisce l'appartenenza al sacramento dell'ordine – ha aggiungo Lorefice – perché si è servi nel matrimonio e nel lavoro. Il diacono anima il servizio e lo gestisce perché il Vangelo si testimonia con la cifra del servizio”. Quindi ha esortato a nutrire un sano orgoglio di essere diaconi nel servizio nella Carità, nella Parola e nella Liturgia.
“Il diacono – ha continuato – deve vivere nella sua carne lo sbilanciamento nella cura e predilezione dei più deboli e poveri che è il proprium dello stesso Vescovo e questo deve essere ricordato alla comunità perché il diacono ha un legame stretto con il Vescovo che lo invia in missione”.
Si è pure fatto riferimento a coloro che sono in cammino che occorre accompagnare per scoprire quale consapevolezza hanno della Chiesa che vogliono servire. “L'elemento essenziale perché la vocazione sia tale – ha concluso l’Arcivescovo - è l’amore e l’appartenenza che si nutre alla Chiesa e ai suoi gruppi e movimenti in una visione ecclesiale”.
 
3. Mons. Antonino Raspanti, vescovo di Acireale, il nuovo vicepresidente della Cei per il Sud
Soddisfazione per la Chiesa siciliana. Mons. Antonino Raspanti, vescovo di Acireale è stato eletto dall’assemblea generale della Conferenza Episcopale Italiana, nuovo vicepresidente della Cei per il Sud. Raspanti prende il posto del vescovo di Aversa, monsignor Angelo Spinillo, che ha completato il suo mandato quinquennale. Il presule è nato ad Alcamo, in provincia e diocesi di Trapani, il 20 giugno 1959. Dopo gli studi liceali, è entrato nel Seminario diocesano, frequentando quello arcidiocesano di Palermo, conseguendo il Baccellierato in Teologia presso la Facoltà Teologica di Sicilia nel 1982. Ha poi completato gli studi accademici presso la Pontificia Università Gregoriana di Roma, con il Dottorato in Teologia nel 1990. Ha ricevuto il diaconato il 6 marzo 1982 ed è stato ordinato presbitero il 7 settembre 1982, nella Chiesa Madre di Alcamo, da monsignor Emanuele Romano. Il 26 luglio del 2011 è stato nominato dal Papa Benedetto XVI vescovo eletto della diocesi di Acireale e il 1° ottobre successivo, ricevendo l’ordinazione episcopale nella basilica cattedrale, ha preso possesso della diocesi.
 
NOTIZIE DALLE PARROCCHIE E DALLE ASSOCIAZIONI
1. Giornata di Spiritualità coniugale e familiare
Una Giornata di spiritualità, coniugale e familiare per pregare e riflettere insieme, è stata organizzata dall’Ufficio di pastorale familiare che si svolgerà  nella Casa diocesana di Baida domenica 28 maggio 2017, alle ore 9.30. Il tema che svolgerà P. Giovanni Salonia sarà "Il Sapore di un abbraccio".
Previsto pranzo a sacco con prenotazione nella casa diocesana di Baida Santa Messa ore 17.
L'invito è rivolto oltre che ai gruppi di giovani coppie curati durante l'anno pastorale, ai referenti dei vicariati, dei responsabili delle attività diocesane e dei Percorsi di Pastorale familiare e ai responsabili dei Movimenti, delle Associazioni e dei gruppi che condividono insieme le attività della Pastorale Familiare diocesana.
“L'obiettivo è quello di migliorare la conoscenza reciproca – dicono i direttori Lia e Giuseppe Re con don Alerio Montalbano – e di avviare insieme il rinnovamento della Pastorale familiare a partire dalla Preparazione al Matrimonio con l'analisi delle risposte al questionario proposto nei mesi scorsi, le iniziative diocesane per le giovani coppie, rilanciare il Consultorio diocesano "La Casa" con tutti i possibili servizi, la cura dei vari ambiti e percorsi di pastorale familiare già avviati ma necessari di rinnovamento missionario. Per questo si formeranno gruppi di lavoro specifici che nei prossimi giorni si riuniranno per presentare al più presto i progetti relativi”.
 
2. All’Istituto Maria SS.ma del Rosario saggio di fine anno
Sabato 27 maggio 2017, presso l’Istituto Maria SS.ma del Rosario, gestito dalle Suore Domenicane del S. Cuore, di via G. Ingrassia 44 a Palermo si svolgerà la festa di chiusura dell’anno scolastico 2016/2017.
Alle ore 17.15 presso il cortile dell’istituto si terrà il saggio di fine anno, sul tema: “La cosa più preziosa del mondo…amare”. In programma balli, recitazione, canti vedranno impegnati tutti gli alunni della scuola, dalle sezioni dell’Infanzia alla Secondaria di Primo grado.  Ospiti d’onore le Sorelle di Biagio Conte, che con la loro testimonianza di totale donazione ai più piccoli, riceveranno in dono quanto i ragazzi e le loro famiglie raccoglieranno.
“Questa è la cosa più preziosa che ci renderà “preziosi” – spiega suor Rosamaria La Bella - donare del nostro, per essere capaci di donare “la vita”,  come Qualcuno ha insegnato.
 
3. In Cattedrale l’Arcivescovo incontra i nubendi
L’Ufficio Diocesano di Pastorale per la famiglia organizza il consueto incontro mensile di preghiera e catechesi del Vescovo con i fidanzati che in questo periodo si preparano al Matrimonio nei vari percorsi parrocchiali e non. L’incontro si terrà mercoledì 31 maggio 2017, alle ore 21, nella Chiesa Cattedrale.
“Il nostro  Arcivescovo don Corrado Lorefice incontrerà i nubendi sulla Festa della Visitazione per concludere insieme il mese di Maggio e chiedere la benedizione delle nuove famiglie a Maria Madre della Chiesa. Al termine ci sarà un dono offerto dall’Ufficio Pastorale e un momento di fraternità.   
“Si invitano i parroci e gli operatori pastorali – dicono i Direttori dell’Ufficio Lia e Giuseppe Re  (340/6034140) e don Alerio Montalbano - ad accompagnare i fidanzati come momento vivo di comunione ecclesiale facendo preparare qualche domanda o intervento, e se è possibile portare bibite e dolci da condividere  alla fine dell’incontro con semplicità e letizia. I responsabili dei percorsi sono pregati di comunicare  la partecipazione all’incontro, per meglio organizzare l’accoglienza”.
 
AGENDA DEGLI APPUNTAMENTI
1. Giornata Diocesana del Ministrante
Quest’anno la Giornata Diocesana del Ministrante si terrà sabato 3 giugno 2017, presso l’oratorio “Giovanni Paolo II” della Parrocchia Santa Chiara d’Assisi a Palermo (ingresso da Via Giuseppe Maielli)
Questo il programma:
ore 09:00 - Accoglienza e registrazione dei partecipanti;
ore 09:30 - Inizio animazione, balli e giochi;
ore 12:00 - Celebrazione Eucaristica presieduta da don Corrado Lorefice arcivescovo di Palermo
ore 13:00 - Pranzo a sacco e fiera del dolce
ore 14:00 - Animazione e balli di gruppo;
ore 16:15 - Premiazioni e chiusura della Giornata.
“Per la partecipazione alla Giornata del Ministrante – spiega il delegato diocesano Marco La Russa - invitiamo il responsabile di ogni parrocchia a raccogliere un contributo simbolico di € 3,00 a partecipante (o più se volete) da consegnare all’accoglienza. Qui vi sarà dato un gadget a ricordo della manifestazione. Ogni gruppo porti un dolce o una torta per la “fiera del dolce” ed ogni ministrante porti con sé la veste liturgica da indossare durante la celebrazione liturgica”.
 
2. Ecumenismo  e dialogo interreligioso il programma dell’anno 2017/2018
E’ stato predisposto il programma di massima della pastorale dell’Ecumenismo e del dialogo interreligioso dell’anno 2017/2018 che inizia venerdì  1 settembre 2017 con la Giornata del creato. Questi gli altri appuntamenti:
Venerdì 27 ottobre 2017 - ore 18.30 - Giornata del dialogo Islamo – Cristiano;
Martedì 12 dicembre 2017 - ore 17.30 – Palazzo Steri - Hannukka (Festa delle Luci);
Venerdì 12 gennaio 2018 - Memoria dell’espulsione degli Ebrei dalla Sicilia;
Mercoledì 17 gennaio 2018 - ore 18.30 - Giornata del dialogo Ebraico – Cristiano;
Martedì 23 gennaio 2018 - ore 18.30 - Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani;
Venerdì 26 gennaio 2018 - ore 18.30 - Giornata del Padre Nostro a conclusione della Settimana per l’Unità dei Cristiani a cura del “Movimento Presenza del Vangelo”;
Sabato 17 febbraio 2018 - La Chiesa valdese ricorda il 170° anniversario della concessione delle libertà civili avvenuta il 17 febbraio 1848;
Venerdì 2 marzo 2018 - Primo Venerdì di Marzo - Giornata mondiale di Preghiera Ecumenica delle donne;
Martedì 21 marzo 2018 - ore 18.30 - Incontro in preparazione alla Pasqua (1/4/2018) (8/4/2018 Ortodossa) nella Chiesa Avventista del Settimo Giorno di via Gioacchino Di Marzo, 25;
Sabato Santo 31 marzo 2018 - Pasqua Ebraica (Si celebra venerdì 30 marzo 2018) Cena Pasquale;
Mercoledì 16 maggio 2018  - Inizio del Ramadan Islamico;
Martedì 15 maggio 2018 - ore 18.30 Incontro in preparazione alla Pentecoste (20/5/2018) - (27/5/2018 Ortodossa).
 
3. Sul Tgweb la riflessione sul raduno per la Vita e la Famiglia
A Palermo il raduno per la Vita e la Famiglia, la proclamazione dei vincitori del Concorso fotografico “La Settimana Santa a Palermo” e la traslazione delle spoglie di mons. Aglialoro nella chiesa Madre di Ventimiglia di Sicilia. Sono alcuni dei servizi che questa settimana, propone il Tgweb dell’Arcidiocesi di Palermo, il magazine, ideato e realizzato dall’Ufficio per le Comunicazioni Sociali, con la collaborazione dei Servizi informatici che viene postato il sabato sul sulla pagina Facebook dell’Arcidiocesi e sul sito dell’Arcidiocesi.
Guarda il Tgweb